Nuova musica per il tuo viaggio

Il volto accogliente dell'Australia

“In un Paese bruciato dal sole”

Un viaggio in un’Australia, il paese dove il sole scotta più che in qualsiasi altro posto, le autostrade hanno una sola corsia e gli aborigeni sono ospitali ma parlano cento lingue diverse. Lo scrittore americano Bill Bryson racconta “la terra dei canguri”, con ironia. 

Bill Bryson Deserto
© shutterstock.com / Stanislav Fosenbauer

Densità media: due persone per km²

Questo dato, da solo, ci fornisce la più dirompente fotografia dell’Australia: un continente disabitato. Considerando poi che quelle due persone abitano vicine sulla costa, e che una delle due se ne va spesso a cavalcare le onde con la tavola da surf, ebbene, allora è tutto chiaro: bisogna trasferirsi in Australia. Quantomeno saranno tentati di andare laggiù, dall’altra parte esatta del globo, tutti quelli che “si fanno” la A4 fra Bergamo e Milano ogni mattina, o anche solo sporadicamente, con il dubbio amletico di scegliere in quale fra quattro corsie sia più emozionante stare in coda.

24 milioni di abitanti e 40 mila canguri.

Ovvero in Australia, in media, si trova un canguro ogni 600 persone (all’incirca). Tanto per farsi un’idea dei numeri immaginiamo di andare la domenica in un medio ipermercato lombardo e vedere saltellare fra la folla una ventina di canguri. Un paragone assurdo? Certamente.

7.692.000 km², 50.000 km di coste e 10.000 km di spiagge. 

Va beh! Allora ditelo… 

In attesa di ottenere il visto d’ingresso, per incominciare ad ambientarci, potremmo leggere “In un paese bruciato dal sole. L’Australia.” di Bill Bryson. Reportage, racconto, romanzo e guida turistica; il tutto in un unico libro, divertente e godibile dalla prima all’ultima pagina. 

Bill Bryson Australia

“Bryson è un goliardico scrittore di libri di viaggi che riesce ad avvicinare il lettore alla realtà australiana attraverso l’ironia e l’irriverenza. Capitolo dopo capitolo, l’immagine sfuocata che avevo dell’Australia si è fatta più nitida e così pure i miei sentimenti verso il paese sono cambiati. L’autore nordamericano percorre migliaia di chilometri attraverso il nulla australiano – l’outback – parlandoci di lombrichi giganti (veri) e koala e aragoste giganti (in rame) o raccontando momenti surreali passati a un palmo di mano dai testicoli ciondolanti del Gran Toro, pure lui finto.

Durante il suo girovagare Bryson ci porta a spasso per le più importanti metropoli del continente e ogni tappa è una scoperta sorprendente e affascinante. Taccuino alla mano, visita musei sconosciuti al grande pubblico, parla con la gente in sperdute bettole nel deserto e con l’impiegato di una vecchia pompa di benzina. La ricerca dell’essenza australiana non si ferma nemmeno davanti a un paio di birre nel desolato bar di un hotel. Il racconto delle esperienze vissute è adornato da nozioni di storia mai noiose che rendono In un paese bruciato dal sole un originale manuale pieno di curiosità per sopravvivere nella terra dei canguri”.

http://www.viaggiaredasoli.net

da Jack | Nov 22, 2013 | #libriinviaggio | 1 commento

“Armato di taccuino e di una dose inesauribile di entusiasmo, Bryson ha attraversato in treno l'interno desertico dell'Australia, da Sydney a Perth, lungo la leggendaria Indian Pacific, la linea ferroviaria più lunga del pianeta”.

http://www.lafeltrinelli.it/

Australia Paesaggi
© shutterstock.com / John Carnemolla - tommaso lizzul - Tanya Puntti - OskarWells

P.S. Non sarà un caso se l’uomo sapiens, partendo dall’africa, camminando, è arrivato in Australia almeno diecimila anni prima che in Europa. A quanto pare L’Australia era invitante già a quel tempo, oltre sessantacinquemila anni fa. 

Life Callout

“Avete presente quelle giornate terse, quando il sole risplende con tanta intensità da rendere gli oggetti più banali del paesaggio luminosi come non mai, tanto che edifici e strutture che di solito non degnate di uno sguardo vi appaiono d'improvviso interessanti, se non belli? Be', in Australia sembra che quella luce ce l'abbiano più o meno sempre”.

[Bill Bryson – fonte https://it.wikiquote.org]