Nuova musica per il tuo viaggio

Le scogliere di lava

I mille volti di Lanzarote.

Le eruzioni vulcaniche che hanno plasmato Lanzarote si sono spinte fino al mare, ridisegnando i contorni dell’isola con scogliere di lava a picco sull’Atlantico.

Cover Lanzarote Pietra Lavica
© Pixabay

El Golfo e il Lago Verde.

Viaggiando dal Parque Nacional de Timanfaya in direzione Sud lungo la suggestiva strada costiera che fiancheggia l’Oceano Atlantico, è possibile ammirare la splendida costa vulcanica di Lanzarote. Qui i crateri lasciano il posto a spiagge nere di roccia lavica e a incredibili scogliere che sembrano modellate dalla creta.

La prima tappa di questo suggestivo itinerario alla scoperta delle scogliere di lava di Lanzarote è rappresentata da El Golfo. Ex villaggio di pescatori nella parte Sud-occidentale dell’isola, oggi è un tranquillo paesino affacciato sul mare, dove gustare una cena tipica ammirando il tramonto sull’Oceano. El Golfo è la porta di accesso al Charco de Los Clicos, anche conosciuto con il nome di Lago Verde. Tra rocce laviche e una spiaggia di sabbia nera, affiora un lago color smeraldo a causa delle alghe presenti nell’acqua. Qui la scogliera sembra plasmata dalle mani di un artista: la roccia è scavata e colorata da infinite striature nere, rosse e ocra. 

Lago Verde2 R Copertina
Charco de Los Clicos (Lago Verde), El Golfo © Ester Teruzzi - Lanzarote - Agosto 2017
Lago Verde3 R
Charco de Los Clicos (Lago Verde), El Golfo © Ester Teruzzi - Lanzarote - Agosto 2017
El Golfo R
La costa vicino al Charco de Los Clicos (Lago Verde), El Golfo © Ester Teruzzi - Lanzarote - Agosto 2017

Los Hervideros.

Proseguendo lungo la strada costiera si incontra una testimonianza di come, con la sua devastante potenza, la lava incandescente si sia spinta fino all’Oceano.

A Los Hervideros, l’Atlantico si tuffa spumeggiando dentro due grotte di lava che si aprono nella scogliera, memoria di quelle eruzioni che per anni hanno invaso il cielo e il mare di Lanzarote. Il modo migliore per godere appieno di questo spettacolo è visitare Los Hervideros in una giornata di mare mosso: è in queste occasioni che la natura si mostra in tutta la sua prorompente bellezza. Passeggiando con cautela sulla scogliera è possibile vedere una serie di cave e buchi nella roccia: qui il rumore delle onde che si infrangono sulle rocce cancella ogni altro suono.

Los Hervideros1
Los Hervideros © Ester Teruzzi - Lanzarote - Agosto 2017
Lo S Hervideros G 2
Los Hervideros © Giorgia Nozza Bielli - Lanzarote - Dicembre 2016
Los Hervideros G
Los Hervideros © Giorgia Nozza Bielli - Lanzarote - Dicembre 2016
Life Callout

“Lanzarote, ogni nuovo giorno mi appare un immenso spazio in bianco e il tempo come un cammino che vi si snoda lentamente.”

[Lanzarote raccontata da José Saramago (16 novembre 1922 Azinhaga, Portogallo – 18 giugno 2010 Lanzarote, Spagna), scrittore e premio Nobel portoghese che dal 1993 aveva scelto di vivere a Tias sull'isola]

Las Salinas de Janubio.

Spostandosi circa 6 km da Los Hervideros in direzione Sud si raggiunge la lunga Playa de Janubio. Dalle Salinas de Janubio, alle spalle della spiaggia, si estraggono fino a 15.000 tonnellate di sale marino all’anno. I forti venti trasportano il sale dall’Oceano in queste vasche d’acqua. Al mattino, quando il sole è basso e il cielo è pallido, sui piccoli stagni di acqua increspata dalla brezza marina si riflettono tutti i colori del cielo.

Salinas De Janubio2 R
Las Salinas de Janubio © Ester Teruzzi - Lanzarote - Agosto 2017