Nuova musica per il tuo viaggio

Le auto celebrità degli anni 80

FOTO COPERTINA 1

C’è un episodio che fotografa bene l’inizio degli anni Ottanta:: una nuova emittente, MTV, inaugura le sue trasmissioni con una canzone dei The Buggles, diventata l’inno di quel decennio. Si tratta di Video Killed the Radio Star, simbolo del tramonto dell’epoca delle icone radiofoniche, faceless, e del debutto di dell’immagine televisiva.

Il desiderio di notorietà di quegli anni non ha risparmiato nessuno, nemmeno le automobili: siamo infatti nel pieno di quella che potremmo definire la Golden Age delle super-car! Auto velocissime, estreme e inaccessibili, supersportive iniziano ad apparire in tv.

Nei videogiochi come nei poster, nelle camerette degli adolescenti iniziano a rubare il posto alle gigantografie delle famose icone sportive. Maserati, Lamborghini, Porsche, BMW e Lotus: le automobili conquistano l’immaginario popolare diventando celebrità.

FOTO 1 1

Queste auto diventano perfino le protagoniste di intere serie televisive. Basti pensare alla Dodge Charger arancione, il Generale Lee, utilizzata dai cugini Bo e Luke nel telefilm Hazzard, in onda dal 1979 al 1985. La bandiera degli Stati Confederati d’America sul tetto e il numero 01 sulle fiancate accompagnano l’iconica automobile con un propulsore ideato per i salti più spericolati e un clacson che suona fieramente Dixie’s Land, il canto popolare dei secessionisti del sud.

Solo tre anni dopo, il giovane David Hasselhoff sale a bordo della vera protagonista di Supercar: K.I.T.T., una Pontiac Firebird Trans Am del 1982, già dotata di un computer di bordo che le permette di provare emozioni e stati d‘animo, ma soprattutto di parlare grazie ad un sintetizzatore vocale. Fu questa un’idea estremamente popolare, tanto che la Renault provò negli anni Novanta a portarla in serie, tuttavia senza successo.

FOTO 2 1

Si attiva così un processo per cui le auto vengono umanizzate e sono pronte ad entrare a pieno titolo nello star system. Questi celebri veicoli, tramite il set, acquisiscono nomi propri, conquistano le prime pagine della stampa e un seguito di fan affezionati che non vedono l’ora di scattarsi foto nel loro abitacolo.

Una delle auto che ha riscosso successo proprio grazie al cinema, piuttosto che per le sue prestazioni su strada, è la DeLorean DMC-12, mitico veicolo della trilogia Ritorno al futuro. Si tratta di una vettura dalle linee futuristiche prodotta dalla DeLorean Motor Company e commercializzata tra il 1981 e il 1983. Il successo cinematografico non basta a vendere, in quel triennio sono stati prodotti solo 8.583 modelli. La DeLorean non avrà segnato la storia automobilistica, ma è sicuramente definibile una star del cinema.

FOTO 3 1

Per la maggioranza degli italiani le auto supersportive dello schermo sono una lontana utopia degli anni successivi al boom economico: prototipi da ammirare in tv o mentre sfilano agli eventi, sapendo bene che quelle auto non saranno mai nei propri garage. Per la classe media, gli anni Ottanta sono invece segnati dalle cosiddette “scatole”: spartane, essenziali ed economiche sono le tre parole chiave che connotano le auto in media più guidate dagli italiani di quel periodo.

Ed è proprio questo tipo di auto che la FIAT produce nel 1980: nata dalla mente dell’imprenditore Giorgetto Giugiaro, la FIAT Panda viene presentata in anteprima al Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Ideata come una macchina che “serve davvero”, facile da parcheggiare e contenuta nei costi, è la grande utilitaria degli anni Ottanta.

In coda al suo successo, Autobianchi Y10, Uno e 127 si diffondono in tutti i centri cittadini italiani, motorizzando un gran numero di famiglie, e diventando il vero simbolo di una decade irripetibile.