Nuova musica per il tuo viaggio

Itinerario letterario a San Pietroburgo

FOTO COPERTINA

La città di San Pietroburgo, maestosa ex-capitale russa, è indissolubilmente legata alla letteratura russa. In questa città hanno vissuto gli autori dagli animi più tormentati e romantici, che hanno reso immortali alcuni luoghi della città. Un itinerario letterario permette di passare da un luogo ad un altro, di attraversare vie e strade in cui gli stessi autori e i loro personaggi hanno vissuto e respirato l’atmosfera russa del loro tempo. Puskin, Gogol e Dostoevskij sono solo alcuni dei nomi che vi accompagneranno alla scoperta di questa meravigliosa città che ha ispirato le loro opere letterarie e trattenuto il loro ricordo.

FOTO1 1

Aleksandr Sergeevic Puskin ha un posto speciale tra i più importanti nomi della letteratura russa. Le tracce del poeta nato nel 1799, possono essere ritrovate in Piazza del Senato, dove potrete vedere la statua di Pietro il Grande oggi conosciuta come Il cavaliere di bronzo, dall’omonimo poema dell’autore. Dalla piazza, attraversando tutto il parco, è possibile raggiungere la Prospettiva Nevskij in cui si trova il Literaturnoe Kafe, locale molto particolare cristallizzato in un’atmosfera ottocentesca che accolse Puskin prima di morire in un duello fatale con il barone d’Anthes nel 1837. Il luogo di questo drammatico episodio ospita un monumento in marmo dedicato all’autore, ed è raggiungibile dirigendosi in Prospettiva Kolomyazhsky.

Due punti di grande interesse legati alla vita dell’autore sono la Casa Museo di Puskin, l’edificio in cui visse gli ultimi mesi della sua vita, raggiungibile costeggiando il fiume Moyka fino al numero 12, che raccoglie scritti e documenti dell’epoca in stanze accuratamente ricostruite, dove rivivere gli ultimi giorni dell’autore; e la Città di Puskin, così ribattezzata in occasione del centenario della morte del poeta, poco fuori San Pietroburgo.

Immagine1

Anche Nikolaj Vasil’evič Gogol passò da San Pietroburgo senza però mai stabilirvisi definitivamente. In questa città Gogol scoprì il suo talento e la sua vera vocazione: la scrittura. Le esperienze personali e i luoghi in cui visse ispirarono le sue opere. Al centro di un suo lavoro c’è la già nominata Prospettiva Nevskij, punto cardine della vita della città e dei personaggi creati dall’autore, che ospita una statua in suo onore.

Il nostro percorso prosegue poi fino ad arrivare al Teatro Alexandrinsky che nel 1936 ospitò la prima dell’Ispettore Generale, commedia dell’autore piuttosto critica nei confronti della società russa e che non risparmiò nemmeno l’imperatore. Il teatro si trova in una delle vie più belle della città, Ulica Rossi, in omaggio all’architetto napoletano Carlo Rossi, che offrì tutto il suo genio alla città di San Pietroburgo.

Immagine2

Ultimo ma non meno importante, Dostoevskij è stato uno degli scrittori più influenti dell’Ottocento. Originario di Mosca, ha trascorso la maggior parte del tempo a San Pietroburgo e la sua prima abitazione si trova in Prospettiva Vladimirskij 11, condivisa con il fratello e poi con un giovane medico, i cui pazienti ispirarono i suoi romanzi. Gli scritti di Dostoevskij hanno reso famosi molti luoghi della città, tra cui Piazza Sennaja, ovvero “del fieno”, descritta in Delitto e castigo come zona di grande emarginazione e miseria.

Dei numerosi appartamenti in cui visse l’autore, solo l’ultimo fu trasformato in museo e si trova in Kuznecnyj Pereulok 5/2. Si tratta di un piccolo museo ma fedelmente ricostruito, meta di molti pellegrinaggi di scrittori provenienti da tutto il mondo.

Anche piazza Pionerskaya è da considerarsi un luogo simbolo della città, qui infatti nel 1849 Dostoevskij lesse una lettera bandita dalla circolazione per il suo contenuto rivoluzionario. L’autore dovette per questo scontare dieci anni di lavori forzati e l’esilio, che ispirarono però la nascita di Delitto e castigo e in parte quella de L’Idiota. La Fortezza di Pietro e Paolo è il luogo in cui venne inizialmente imprigionato, mentre le sue spoglie si trovano nel cimitero Tichvin, nel Monastero di Aleksandr Nevskij.